Le giornate possono essere solo dei numeri che si susseguono, senza avere un’identità precisa o essere fondamentali, tracciando il futuro di un’esistenza e di tutte le vite ad essa correlate.

Minuti che durano secoli e parole che si divorano le speranze.

A forza di essere coerente, ho visto il mondo e le persone cambiare ed ora mi chiedo, se una profonda evoluzione sia accettabile in questa fase della vita o se sia più saggio sforzarsi di non essere se stessi. .

Qualche giorno fa mi è stato chiesto come mi sarei visto tra un anno…oggi non riesco a vedermi nemmeno a distanza di ventiquattro ore

Le esperienze ci rendono semplicemente coscienti di quanto siamo ancora emotivi scontrandoci con le aspettative.

Vivendo tra catene così strette da riuscire appena a respirare, l’unica cosa che si può fare, è chiudere gli occhi e sognare.
Federico