In un tempo lontano sei nata dalla cenere,
tra pensieri e nuvole sei diventata Venere
e ancora Minerva, Afrodite e Atena
ma dal malessere emergevi malapena.


Troppo spesso mi son sentito sola
nell’ambiguità ho vissuto anche sol di una parola
il sangue e il sudore mi hanno reso muto
ma ho continuato non chiedendo aiuto.


Avvolto tra vento e gelo ho ripreso la vita
l’ho afferrata pur sembrando svanita
l’ho cullata imprimendole passione e poesia
e finalmente ho capito…


Mia