CI sono meccanismi che azioniamo, senza rendercene conto che diventano incomprensibili e la contraddizione se ne nutre.

In quei momenti quando l’anima si rivolta alle nostre decisioni spegnendo i nostri sguardi, cosa può chiedere un uomo se comprende di camminare senza aver deciso una meta e se desidera il silenzio, ma nel silenzio rimane turbato da sé stesso?…forse solo il senso per desiderare di essere.

Fare per non sopire e soffrire per respirare è solo il nostro istinto naturale.

Federico