Un modo per sfuggire al proprio destino è portarsi al di fuori del nostro campo visivo, comprendere che la perfezione è un’utopia lesiva e osservare la rete che ci invalida, con gli occhi del mondo.

Mia